Seguici su
Cerca

Avviso pubblico selezione comparativa ex art.110co. 1 TUEL per il conferimento incarico a tempo determinato full time(36 ore settimanali)di Responsabile Settore Tecnico e Politiche del Territorio(funzionario di elevata qualificazione) riapertura termini

Avviso pubblico selezione comparativa ex art.110co. 1 TUEL per il conferimento incarico a tempo determinato full time(36 ore settimanali)Responsabile Settore Tecnico e Politiche del Territorio(funzionario di elevata qualificazione) riapertura termini

Data :

7 giugno 2024

Avviso pubblico selezione comparativa ex art.110co. 1 TUEL per il conferimento incarico a tempo determinato full time(36 ore settimanali)di Responsabile Settore Tecnico e Politiche del Territorio(funzionario di elevata qualificazione) riapertura termini
Municipium

Descrizione

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE COMPARATIVA EX ART. 110 CO. 1 T.U.E.L. PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO A TEMPO DETERMINATO FULL TIME (36 ORE SETTIMANALI) DI RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO E POLITICHE DEL TERRITORIO (FUNZIONARIO DI ELEVATA QUALIFICAZIONE). RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE.


IL RESPONSABILE DEL SETTORE 1


In esecuzione del Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale, approvato con DGC
178/2023
e richiamata la propria determinazione n. 136/2024 di approvazione del presente
avviso;
Visto l’art.110, comma 1 del T.U.E.L. e s.m.i.;
RENDE NOTO
che è indetta una selezione pubblica comparativa per il conferimento di un incarico a tempo
determinato – full time (36 ore settimanali) – ai sensi dell’art. 110, co. 1 del T.U.E.L., di
Funzionario dell’Elevata Qualificazione (EQ) dell’Area Tecnica.
L’incarico dovrà essere espletato nel rispetto delle direttive impartite dagli organi di governo
dell’ente e degli obiettivi prefissati, con i poteri gestionali tipici del dirigente come previsti
dall’art. 107 del D.lgs. 267/2000, e sarà regolato dalle disposizioni di cui ai vigenti CCNL.
Si dà atto che è garantita la pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e il
trattamento sul lavoro, così come previsto dal D.Lgs. n.198/2006
“Codice delle pari opportunità
tra uomo e donna a norma dell’art. 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246”
e dall’art. 57 del D.Lgs.
n.165/2001,
“Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”.
Il presente avviso ha scopo conoscitivo e preliminare, non determina alcun diritto
all'attribuzione del posto né deve necessariamente concludersi con la stipula del contratto
a tempo determinato, rientrando nella discrezionalità dell'Ente valutare la sussistenza di
elementi sufficienti che soddisfino le esigenze di professionalità richieste.

L'ente si riserva, qualora ne ravvisi l'opportunità, di modificare, prorogare o revocare il
presente avviso in qualsiasi momento.
CONTENUTI PROFESSIONALI
La figura professionale dovrà essere in possesso di:
a) Capacità organizzative, gestionali e di autonomia nell’esecuzione delle attività:
capacità di analizzare e dominare gli eventi, valutando e risolvendo tempestivamente
ed efficacemente i problemi (in coerenza con il contesto organizzativo in cui opera)
anche creando soluzioni originali ed innovative, funzionali al conseguimento degli
obiettivi dell’Ente;
capacità pianificatoria, gestionale ed organizzativa;
capacità di gestione delle risorse umane: definizione dei ruoli, compiti e obiettivi del
personale assegnato oltre che capacità motivazionale dello stesso;
capacità di governo della rete delle relazioni, siano esse interne (personale,
responsabili, Amministratori) o esterne;
b) Competenze attitudinali:
gestione efficace del tempo;
efficacia nel ruolo;
orientamento strategico ed orientamento al risultato;
gestione dei conflitti;
gestione efficace della complessità;
gestione dello stress e pensiero positivo;
accountability;
mediazione, negoziazione ed abilità relazionali;
c) Conoscenze tecniche:
Possiede elevate conoscenze tecniche plurispecialistiche ed un grado di esperienza
pluriennale, con frequente necessità di aggiornamento. Le attività sono caratterizzate
da elevata complessità dei problemi da affrontare basata su modelli teorici non
immediatamente utilizzabili ed elevata ampiezza delle soluzioni possibili. Le attività
svolte hanno contenuto tecnico, con responsabilità di risultati relativi ad importanti
e diversi processi produttivi/amministrativi.
Provvede alla ricerca, acquisizione, elaborazione ed illustrazione di dati e norme
tecniche, imposta elaborati tecnici, grafici o tecnico-amministrativi, coordina
interventi manutentivi, collabora alla progettazione di opere.
Esprime pareri tecnici sulle materie di competenza. Può essere incaricato della
direzione lavori. Nell’espletamento delle attività di controllo effettua sopralluoghi di
cantieri, fabbriche ed aree pubbliche.
Mantiene relazioni organizzative interne di natura negoziale e complessa, gestite
anche tra unità organizzative diverse da quelle di appartenenza, e relazioni esterne
(con altre istituzioni) di tipo diretto.
ART. 1 – REQUISITI PER L’AMMISSIONE ALLA SELEZIONE
Per l’ammissione alla selezione e per la successiva stipulazione del contratto di lavoro a tempo
determinato, occorre essere in possesso – alla scadenza del termine stabilito nel presente
avviso – dei requisiti generali e specifici di seguito indicati.
Il possesso di tutti i requisiti di seguito elencati dovrà essere autocertificato, ai sensi del D.P.R.
n. 445/2000, in sede di presentazione della domanda di partecipazione.
L’Amministrazione si riserva la facoltà di procedere ad idonei controlli sulla veridicità delle
dichiarazioni sostitutive rese dal candidato nella domanda di ammissione. Qualora dal
predetto controllo emerga la non veridicità – anche parziale – del contenuto delle
dichiarazioni rese, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al
provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.
A) Requisiti generali
1) cittadinanza italiana; tale requisito non è richiesto per i soggetti appartenenti alla Unione
Europea (Consiglio di Stato – Adunanza plenaria – Sentenza 25/06/2018, n. 9);

2) età non inferiore ad anni 18 e non superiore al limite massimo dell’età pensionabile prevista
dalla legge al momento della scadenza del presente avviso;
3) essere in posizione regolare riguardo agli obblighi del servizio di leva [solo per i concorrenti
di sesso maschile nati anteriormente al 1986];
4) essere in possesso della patente di guida di cat. B, in corso di validità;
5) piena ed incondizionata idoneità, sotto il profilo psicofisico, a svolgere senza limitazione
alcuna le mansioni inerenti al profilo professionale del presente avviso, da accertarsi mediante
visita medica di controllo presso il Medico Competente dell’Ente, ai sensi del D.Lgs. n.
81/2008;
6) godere dei diritti civili e politici e, pertanto, non essere esclusi dall’elettorato politico attivo;
7) non essere stato/a destituito/a o dichiarato/a decaduto/a da un pubblico impiego ai sensi
degli artt. 85 e 127 del D.P.R. n.3/1957, ovvero di non essere stato/a licenziato/a (con o
senza preavviso) da un pubblico impiego ai sensi delle disposizioni dei C.C.N.L. relativi ai
diversi Comparti pubblici;
8) non avere riportato condanne penali, né avere procedimenti penali in corso, né essere
soggetti destinatari di misure di sicurezza o di prevenzione che comportano l’interdizione dai
pubblici uffici, o che possano influire sull’idoneità morale e sull’attitudine ad espletare
l’attività di pubblico impiegato; ai sensi della legge n.475/1999, la sentenza di applicazione
della pena su richiesta delle parti, prevista dall’art. 444 del codice di procedura penale (c.d.
patteggiamento), è equiparata a condanna;
9) non essere stato condannato, anche con sentenza non passata in giudicato o con sentenza
di applicazione della pena su richiesta delle parti, per i reati previsti nel Capo I del Titolo II
del Libro secondo del Codice Penale, ai sensi dell’art. 35-bis, comma 1, lett. b), del D.Lgs. n.
165/2001;
10) non trovarsi in alcuna delle condizioni di incompatibilità e inconferibilità previste dal
D.Lgs. n. 39/2013 al momento dell’assunzione in servizio (nel caso di condizione di
incompatibilità e inconferibilità previste dal D.Lgs. n.39/2013, è necessario attestare la
volontà di risolvere la situazione nel caso di esito positivo della selezione);
11) se dipendente di una Pubblica Amministrazione, assenza di sanzioni disciplinari negli
ultimi due anni precedenti la scadenza del presente avviso né avere in corso procedimenti
disciplinari;
12) conoscenza della lingua inglese (art. 31, comma 1, D.Lgs. n.165/2001, come modificato
dall’art. 7 del D.Lgs. n.75/2017);
13) conoscenza dell’uso di strumentazioni ed applicazioni informatiche più diffuse (Word,
Excel, posta elettronica, PEC, firma digitale, ecc.).
B) Requisiti specifici
1) Essere in possesso di uno dei seguenti diplomi di laurea (DL) dell’ordinamento
anteriore alla riforma di cui al D.M. n.509/1999, ovvero delle corrispondenti lauree
specialistiche (LS) o Magistrali (LM) di cui agli ordinamenti D.M. n.509/1999 e D.M.
n.270/2004 e titoli equipollenti:
A. Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) appartenente a una delle seguenti classi
del nuovo ordinamento universitario (D.M. 509/99 o D.M. 270/04):
classe 3/S Architettura del paesaggio;
classe 4/S – “Architettura e ingegneria edile”;
classe 28/S – “Ingegneria civile”;
classe 38/S – “Ingegneria per l’ambiente e il territorio”;
classe LM-4 – “Architettura e ingegneria edile-architettura”;
classe LM-3 – “Architettura del paesaggio”;
classe LM-23 – “Ingegneria civile”;
classe LM-24 – “Ingegneria dei sistemi edilizi”;
classe LM-26 – “Ingegneria della sicurezza”;
classe LM-35 – “Ingegneria per l’ambiente e il territorio”;
B. Diploma di laurea (DL) (vecchio ordinamento universitario – ordinamento previgente al
DM 509/99) come di seguito specificato:

Architettura;
Ingegneria civile;
Ingegneria edile;
Ingegneria edile-Architettura;
Ingegneria per l’ambiente e il territorio;
C. oppure Titoli riconosciuti equipollenti o equiparati dalla normativa vigente – L. 341/90,
D.M. 509/99, D.M. 270/04 – con espressa indicazione da parte del candidato della norma
che stabilisce l’equipollenza (vedasi Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 e ulteriore
normativa pubblicata sul sito del MIUR).
I candidati che abbiano conseguito il titolo di studio all’estero possono partecipare alla
presente selezione, previo riconoscimento del titolo di studio ottenuto ai sensi dell’art. 38,
comma 3, del D.Lgs. n.165/2001. L’ente responsabile per la valutazione di equivalenza
del titolo estero è la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione
Pubblica – Ufficio per l’organizzazione e il lavoro pubblico, Servizio per le assunzioni e
la mobilità, Corso Vittorio Emanuele II, 116 – 00186 Roma. E’ possibile inoltre scaricare
online dal sito del Dipartimento della Funzione, il modulo per la richiesta di equivalenza
del titolo di studio acquisito all’estero, all’interno del quale sono indicati tutti i documenti
necessari per la presentazione della domanda di riconoscimento.
Il candidato deve possedere la dichiarazione di equipollenza entro il termine di
presentazione della domanda.
2) Essere abilitato all’esercizio della professione (ingegnere/architetto/equivalente) ed
essere iscritto nel relativo albo professionale.
3) E’ richiesta, inoltre, la ricorrenza di almeno una delle seguenti condizioni:
Aver svolto attività in organismi ed enti pubblici o privati, ovvero aziende pubbliche o
private con esperienza pluriennale in funzioni dirigenziali e/o di coordinamento;
• aver maturato esperienza pluriennale presso Enti Locali, in qualità di lavoratori dipendenti
o in attività collaborative equivalenti, anche di natura autonoma o di incarico professionale,
con funzioni apicali nel Settore oggetto della presente selezione;
• aver conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica
desumibile dalla formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche e
da concrete esperienze di lavoro pluriennali, anche presso amministrazioni statali, in
posizioni funzionali previste per l’accesso alla dirigenza;
• provenire dai settori della ricerca/docenza universitaria nelle materie oggetto dell’incarico.
Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione
della candidatura e devono permanere sino al momento del perfezionamento
dell’affidamento dell’incarico.
Il difetto dei requisiti prescritti, accertato nel corso della selezione o successivamente,
comporta l’esclusione dalla selezione stessa e costituisce causa di risoluzione del rapporto di
lavoro, ove già instaurato.
ART. 2 – TERMINI E MODALITÀ PER LA PRESENTAZIONE DELLA
DOMANDA
La domanda di partecipazione all’avviso di selezione pubblica deve essere inviata
esclusivamente per via telematica attraverso il “
Portale unico del reclutamento
(https://www.inpa.gov.it), entro e non oltre il termine di 10 (dieci) giorni decorrenti dal
giorno successivo alla data di pubblicazione del presente avviso all’Albo Pretorio on-line e
nella Sezione Amministrazione Trasparente – Bandi di concorso del sito istituzionale
dell’Ente, nonché sul Portale unico del reclutamento, prorogato, qualora la scadenza coincida
con un giorno festivo, al primo giorno successivo non festivo, e dunque entro e non oltre le
ore
12.00 del 17/06/2024 pena l’esclusione dalla selezione.
2. L’interessato a partecipare alla procedura in oggetto dovrà inviare la propria candidatura,
previa registrazione gratuita sul citato Portale tramite identità digitale SPID, CIE (Carta di
Identità Elettronica), CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o con TS-CNS (Tessera Sanitaria e

Carta Nazionale dei Servizi), compilando la domanda di partecipazione in modalità digitale
sulla base del format proposto dalla piattaforma.
3. All’atto della registrazione sul Portale, l’interessato dovrà compilare il proprio
curriculum
vitae
completo di tutte le generalità anagrafiche e dati ivi richiesti, con valore di dichiarazione
sostitutiva di certificazione ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000, indicando un indirizzo
PEC o altro domicilio digitale a lui intestato al quale intende ricevere ogni comunicazione
relativa alla procedura stessa. In caso di domicilio digitale non certificato, l’Amministrazione
non risponde della mancata ricezione delle comunicazioni trasmesse.
5. La data di presentazione on-line della domanda di partecipazione alla selezione sarà
certificata dal sistema informatico che rilascerà ricevuta di avvenuta iscrizione al concorso
all’indirizzo mail indicato nella domanda, e allo scadere del termine ultimo per la
presentazione non permetterà più l’invio del modulo elettronico di domanda o la modifica
dello stesso. Ai fini dell’ammissione delle domande, faranno fede la data e l’ora di inoltro
della domanda fornite dal sistema informatico al termine dell’avvenuto inserimento.
6. La modalità di presentazione della domanda sopra indicata costituisce modalità esclusiva.
Non verranno, pertanto, prese in considerazione domande trasmesse in forma diversa da
quella prescritta e domande pervenute oltre il termine prescritto al punto 1 del presente
articolo.
7. L'Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni causate
da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva
comunicazione del cambiamento dell'indirizzo PEC indicato nella domanda né per eventuali
disguidi imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
8. Non saranno inviate comunicazioni ad indirizzi di posta elettronica non certificata.
9. Le dichiarazioni relative al possesso dei requisiti di ammissione hanno valore di
dichiarazioni sostitutive, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n.445/2000, come tali,
assoggettate, nel caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, alle sanzioni penali previste
nella richiamata normativa.
10. Il candidato, nella domanda di partecipazione alla selezione, dovrà esplicitamente
chiedere l’ammissione alla selezione di cui trattasi e dichiarare sotto la propria personale
responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 23 dicembre 2000, n. 445, consapevole
delle sanzioni penali previste dall'art. 76 dello stesso D.P.R. n. 445/2000 nell'ipotesi di falsità
in atti e dichiarazioni mendaci, pena l’esclusione, le informazioni necessarie compilando i
campi proposti dal format della domanda telematica.
11. Qualora il candidato dichiari di appartenere alle categorie protette di cui alla L. n.
68/1999, deve indicare gli eventuali ausili e/o la necessità di tempi aggiuntivi richiesti per
l’espletamento delle prove, ai sensi dell’art. 20 della L. n. 104/1992. In tale caso, la domanda
dovrà essere corredata da apposita certificazione rilasciata da competente struttura sanitaria
che specifichi gli elementi essenziali dell'handicap e giustifichi quanto richiesto nella
domanda, da allegare alla stessa domanda online.
12. Con la presentazione della domanda di partecipazione il candidato accetta tutte le
prescrizioni del presente Bando e autorizza il Comune di Caiazzo al trattamento dei dati
personali per l’uso amministrativo della selezione in oggetto, ai sensi del GDPR -
Regolamento 2016/679.
13. L'Amministrazione si riserva, ai sensi dell'art. 71 del DPR n. 445/2000, la facoltà di
procedere ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dal candidato;
qualora venga accertata la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante
decadrà dagli eventuali benefici conseguenti ai provvedimenti adottati sulla base delle
dichiarazioni non veritiere, ferme restando le sanzioni penali previste dall'art. 76 del DPR
445/2000.
ART. 3 CAUSE FORMALI DI ESCLUSIONE DALLA PROCEDURA
Sono considerate irregolarità non sanabili, che comportano l’esclusione dalla procedura,
quelle di seguito elencate:
• domande pervenute in modalità diverse da quelle prescritte dal presente Avviso;
• domande pervenute dopo il termine previsto dal presente Avviso;

• domande prive dei requisiti di ammissione generali e/o specifici richiesti di cui all’art.1 lett.
A e B del presente Avviso.
ART. 4 COMUNICAZIONI AI CANDIDATI
Ogni comunicazione ai candidati concernente il concorso, compreso il calendario della prova
ed il suo esito, è effettuata attraverso il portale inPA ex art. 7 del DM 3.11.23 del Ministero
per la P.A., il quale avrà valore di notifica ad ogni effetto di legge.
Il Comune non assume alcuna responsabilità per la dispersione di eventuali e successive
comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del partecipante
oppure mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella
domanda, né per eventuali disguidi postali o telematici comunque imputabili a fatto di terzi,
a caso fortuito o forza
ART. 5 – CRITERI E PROCEDURE DI SELEZIONE
Il Responsabile del Procedimento verifica il possesso dei requisiti dei partecipanti.
Una apposita commissione, formata da almeno tre componenti nominati dal Responsabile
del procedimento, esaminerà le domande pervenute.
La selezione avverrà sulla base della disamina dei curricula e sulla valutazione effettuata a
valle di un colloquio orale.
La
data del colloquio orale con la Commissione si terrà in data e orario che verranno
successivamente comunicate all’indirizzo PEC indicato nella domanda, nonché pubblicate
sul portale InPA e sul sito istituzionale. La mancata presentazione al colloquio, per
qualsivoglia motivo, equivale a rinuncia alla selezione.
Il
colloquio orale sarà finalizzato ad accertare il grado di conoscenza e competenza
manageriale del candidato, in relazione a quelle richieste per lo svolgimento delle mansioni
proprie del profilo professionale ricercato, e in particolare, in tale occasione procederà alla
valutazione complessiva del candidato sulla base dei seguenti elementi in ordine di
decrescente rilevanza:
1) Esperienze e Conoscenze professionali dichiarate e possedute attinenti al ruolo da
ricoprire ed esplicitamente dettagliate nel curriculum vitae;
2) competenze e le esperienze maturate su contratti e lavori pubblici, urbanistica, edilizia
privata, ambiente, beni culturali;
3) conoscenza della normativa sull’ordinamento degli enti locali e sul procedimento
amministrativo, sul pubblico impiego e dei principi di Contabilità Pubblica;
4) capacità di programmazione e pianificazione degli obiettivi in relazione alle risorse
assegnate e ai vincoli normativi, con particolare riferimento ai lavori pubblici.
Valutati i curricula e svolti i colloqui, la Commissione esprimerà un giudizio di idoneità,
dando un punteggio proporzionale ai criteri che si darà in fase di insediamento, e individuerà
una rosa di almeno 3 (tre) candidati, se disponibili in tal numero, tra quelli in possesso delle
caratteristiche professionali maggiormente rispondenti alle esigenze dell’ente, che saranno
invitati ad un ulteriore colloquio con il Sindaco.
Quest’ultimo effettuerà la scelta finale e qualora dia approvazione per un candidato procederà
di seguito alla nomina dello stesso.
La valutazione complessiva ad esito della presente procedura di selezione è intesa
esclusivamente ad individuare il candidato idoneo all’attivazione del rapporto di lavoro, da
sottoporre all’approvazione o meno da parte del Sindaco, e pertanto non dà luogo alla
formazione di alcuna graduatoria di merito comparativo.
L’Amministrazione si riserva, infine, la facoltà insindacabile di non procedere ad alcun
reclutamento o di prorogarne la data, dandone comunicazione ai candidati che hanno fatto
pervenire la loro manifestazione di interesse.
ART. 6 – TIPOLOGIA E DURATA DELL’INCARICO
L’incarico, connotato da carattere fiduciario, sarà conferito dal Sindaco del Comune con
proprio provvedimento per la durata di anni uno salvo proroga.
L’accettazione dell’incarico dovrà avvenire, quale
condicio sine qua non, entro il termine
perentorio di gg. 5 lavorativi dal conferimento.
ART. 7 – TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO
Il trattamento economico è equivalente a quello previsto, dai vigenti contratti collettivi
nazionali e decentrati, per la categoria e la qualifica corrispondenti a quelle del profilo
richiesto del comparto autonomie locali. Pertanto, la struttura della retribuzione si compone
di:
a) stipendio tabellare;
b) retribuzione di posizione, come determinata in base alla disciplina aziendale vigente.
c) retribuzione di risultato, come determinata in base alla disciplina aziendale vigente.
ART. 8 – DISPOSIZIONI FINALI
1. Il presente Avviso di Selezione costituisce lex specialis e pertanto la partecipazione alla
selezione comporta implicitamente l’accettazione senza riserva alcuna di tutte le disposizioni
ivi contenute.
2. Ogni comunicazione ai candidati concernente il concorso, compreso il calendario della
prova ed il suo esito, è effettuata attraverso il portale inPA ex art. 7 del DM 3.11.23 del
Ministero per la P.A., il quale avrà valore di notifica ad ogni effetto di legge. Non è prevista
nessuna altra forma di comunicazione.
3. Per quanto non espressamente previsto dal presente bando trovano applicazione, qualora
compatibili, le disposizioni normative in materia di accesso al pubblico impiego.
4. Il presente avviso non vincola in alcun modo l’Amministrazione che, pertanto, potrà non
dare seguito al conferimento dell’incarico. L’Amministrazione si riserva la facoltà di
prorogare o di non dar corso alla procedura in oggetto.
5. Solo nel caso in cui verrà individuata una professionalità adeguata a ricoprire l’incarico di
che trattasi, il candidato individuato sarà invitato a sottoscrivere il previsto contratto
individuale di lavoro, ai sensi dell’art. 110, commi 1 e 3, del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i, previo
accertamento dell’effettivo possesso di tutti i titoli dichiarati. All’incaricato potranno essere
conferiti altresì incarichi ad interim per reggenza di aree scoperte, a insindacabile giudizio
dell’Amministrazione. Il candidato che non assume servizio senza giustificato motivo entro
il termine stabilito, decade dall’assunzione stessa.
6. L’Amministrazione si riserva, se necessario, di modificare o revocare il presente avviso,
nonché di prorogarne o riaprirne il termine di scadenza o eventualmente di non procedere
alla relativa assunzione.
7. Per informazioni relative alla presente selezione, gli interessati potranno rivolgersi
all’Ufficio Segreteria.
Referente/Responsabile del Procedimento: RESPONSABILE SETTORE 1 – dott.
Sergio de Luca.
ART. 7-TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E INFORMATIVA
Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente informativa, ai sensi dell’art.
13 del Regolamento europeo n.679/2016, è il Comune procedente, al quale presentare le
eventuali richieste inerenti l’esercizio dei diritti di seguito descritti.
Il Comune ha designato quale Responsabile della protezione dei dati il dott. Tommaso
Buono. Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679), i dati forniti
dai candidati sono raccolti presso gli uffici delle risorse umane per finalità di gestione della
presente procedura e saranno trattati anche successivamente all’eventuale instaurazione del
rapporto di lavoro per le finalità inerenti la gestione del rapporto di lavoro.
L’interessato gode dei diritti di cui all’art. 7 del citato Decreto.
Il responsabile del trattamento dei dati è individuato nel Funzionario responsabile del
procedimento Dott. Sergio de Luca.
Altre informazioni possono essere richieste a questo ufficio:
Tel. 0823615733.

Il Comune o in qualità di Titolare del trattamento, La informa che i Suoi dati personali,
saranno trattati nel rispetto delle normative di legge sulla protezione dei dati, del diritto
dell’Unione Europea e dei regolamenti interni dell’Ente. Il Titolare assicura che il trattamento
dei dati si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali dell’individuo, nonché
della sua dignità, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto
alla protezione dei dati personali.
Finalità e base giuridica del trattamento
Tutti i dati personali anche particolari acquisiti o comunicati sono trattati dal Titolare per la
gestione della selezione sulla base dei seguenti presupposti di liceità:
• il trattamento è necessario per assolvere agli obblighi legali ed esercitare i diritti specifici del
titolare del trattamento o dell’interessato, anche in materia di diritto del lavoro sulla base della
normativa di legge dell’Unione, o degli Stati membri, o da un contratto collettivo ai sensi del
diritto degli Stati membri;
• il trattamento è necessario per adempiere ad un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare
del trattamento;
• il trattamento è necessario per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso
all’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare del trattamento.
In particolare i sui dati verranno trattati per la gestione dell’avviso al fine di:
• espletare la procedura di selezione e valutazione del personale;
• accertamento della sussistenza dei requisiti richiesti per la partecipazione alle prove selettive
(titoli, curriculum) e dell’assenza di cause ostative alla partecipazione (dati giudiziari e relativi
allo stato di salute);
I dati trattati sono raccolti anche presso terzi quali, a titolo esemplificativo:
• altri titolari del trattamento;
• elenchi e registri tenuti da pubbliche autorità o sotto la loro autorità o enti similari in base
a specifica normativa nazionale e/o internazionale.
Oggetto del trattamento
I dati tratti per le finalità espresse sono dati personali identificativi:
• cognome e nome, residenza, domicilio, nascita, codice fiscale, mail, immagini, altri dati
contenuti nel CV relativi ad esperienze lavorative; situazione familiare
Potranno essere tratti anche dati particolari (dati sanitari) e relativi a condanne penali o reati
(giudiziari).
Principi e regole per il trattamento
Il trattamento delle informazioni che La riguardano sarà improntato ai principi di correttezza,
liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Inoltre i dati che
verranno raccolti sono quelli essenziali per gestire il procedimento di selezione nel rispetto
del principio di minimizzazione previsto dal RUE n.679/2016.
Modalità trattamento dei dati
I dati saranno registrati in una o più banche dati e/o conservati in archivi cartacei o in
formato digitale e saranno da noi trattati manualmente oppure attraverso l’ausilio di sistemi
elettronici, telematici e archiviati sull’infrastruttura informatica dell’ente, e/o su apparati
esterni di proprietà di società terze idoneamente nominate responsabili del trattamento.
L’ente adotta opportune misure di sicurezza e procedure organizzative al fine di garantire
l’integrità e la riservatezza dei dati stessi. Il trattamento non comporta l’attivazione di un
processo decisionale automatizzato.
Natura della raccolta e conseguenze di un eventuale mancato conferimento dei dati
personali
In funzione delle finalità descritte nella presente informativa il conferimento dei dati è
obbligatorio. Nel caso i dati non vengano forniti o siano conferiti in maniera parziale o
inesatta questo potrà comportare il mancato avvio del procedimento o l’impossibilità di
assolvere agli eventuali adempimenti normativi.
Criteri utilizzati al fine di determinare il periodo di conservazione
I dati personali dell’interessato vengono conservati per il tempo necessario al compimento
delle attività legate alla gestione del rapporto instaurato e per gli adempimenti, anche di legge,
che ne conseguono. L’ente dichiara che i dati personali dell’interessato oggetto del

trattamento saranno conservati per il periodo necessario a rispettare i termini di
conservazione stabiliti dal Piano di Conservazione dei comuni italiani (ANCI 2005) e
comunque non superiori a quelli necessari per la gestione dei possibili ricorsi/contenziosi.
Il suo curriculum vitae, nonché, in caso di successiva convocazione, la scheda informativa e
la scheda anagrafica, saranno conservati sia in forma cartacea sia su supporto informatico
direttamente dal Comune per un periodo di tempo congruo, proporzionato e non eccedente
con le suindicate finalità.
Chi ha accesso ai dati
I Suoi dati saranno trattati per le finalità precedentemente descritte: da dipendenti e
collaboratori del Comune che svolgano attività funzionalmente collegate alle finalità
definite; da società terze o altri soggetti (a titolo indicativo, aziende, professionisti, società
cooperative, etc.) che svolgono attività per conto del Titolare, nella loro qualità di
responsabili del trattamento ai sensi dell’art 28 del RUE n.679; i dati in formato elettronico
potranno essere trattati anche da società esterne che erogano servizi tecnologici e/o di
assistenza inerenti la gestione e manutenzione dei sistemi informativi. L’elenco dettagliato
dei soggetti che per conto del Comune svolgono dei servizi e che trattano le banche dati
dell’ente è disponibile presso l’ufficio della segreteria e sul sito internet del Comune nell’area
Privacy.
Comunicazione e Diffusione dei dati
I suoi dati personali possono essere comunicati, ad altri enti, amministrazioni dello stato, per
le finalità precedentemente descritte quali: Istituzioni pubbliche (INPS, Agenzia delle
Entrate, Agenzia del territorio, Prefettura ecc.); Regione o amministrazioni provinciali;
Strutture sanitarie, e medici in adempimento agli obblighi in materia di tutela della salute;
Istituti di credito per la riscossione o per versamenti; PagoPA per la gestione dei pagamenti;
Agli organi giudiziari quali il Tribunale ed alle autorità di pubblica sicurezza; All’Istituto
Nazionale di Statistica (ISTAT); Poste o corrieri per la trasmissione di documenti
I dati personali non sono soggetti a diffusione da parte di codesto ente, salvo nei casi previsti
dalla normativa di legge: adempimenti specifici di legge e in particolare quelli in materia di
trasparenza amministrativa; Adempimento di specifici di legge aventi riguardo la pubblicità
legale mediante albo pretorio on line.
I dati trattati dal titolare non sono soggetti a trasferimento in altro stato che non
appartenga all’Unione Europea.
Diritti dell’Interessato (previsti dagli art. 15 – 21 del RUE n.679/2016)
Il Regolamento Europeo conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti: diritto di
chiedere al Titolare del trattamento, ex art. 15 Reg. n. 679/2016/UE, di poter accedere
ai propri dati personali; diritto di chiedere al Titolare del trattamento, ex art. 16 Reg.
n.679/2016/UE, di poter rettificare i propri dati personali, ove questo non contrasti con la
normativa vigente sulla conservazione dei dati stessi; diritto di chiedere al Titolare del
trattamento, ex art. 17 Reg. n. 679/2016/UE, di poter cancellare i propri dati personali, ove
questo non contrasti con la normativa vigente sulla conservazione dei dati stessi; diritto di
chiedere al Titolare del trattamento, art. 18 Reg. n.679/2016/UE, di poter limitare il
trattamento dei propri dati personali; diritto di opporsi al trattamento, art. 21 Reg.
n.679/2016/UE
Diritto di presentare reclamo (Art. 13.2.d Regolamento n.679/2016/UE) L’interessato
ha il diritto di proporre un reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali
per l’esercizio dei diritti in materia di trattamento dei suoi dati personali
 

Municipium

Allegati

AVVISO 110
Domanda 2

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot